Sybell

DIANA: INNO ALLA DONNA SELVAGGIA

https://www.facebook.com/sybellproject/videos/2061727603869255/

Io prego per Te,
Donna
perché ti ricordi
che non devi nulla a nessuno
che non sei di nessuno
che appartieni a te sola.

Sii la donna selvaggia
la loba
la donna dei boschi.
E quando punteranno il dito
contro “la strega”
ricorda:
è più facile essere amati al guinzaglio.

Perciò non fingere
d’essere docile:
io li vedo i tuoi artigli.
Guardati
splendente nella notte
Silvarum Domina.

Diana, la signora delle selve, è presente in ciascuna donna. Spesso è lì che aspetta, silente, d’essere vista, onorata. Diana è la nostra parte più ferina, bistrattata per secoli, tenuta nascosta per paura. Non abbiate timore di entrare in contatto con essa. Noi Uttern ne stiamo facendo una canzone, per ricordare a noi stesse, a tutti, che l’essere selvagge non ha nulla a che vedere con l’essere violente o aggressive.

La donna selvaggia è “la forza Vita/Morte/Vita, è l’incubatrice. E’ intuito, veggenza, colei che sa ascoltare, è il cuore leale. Incita gli esseri umani a restare multilingue; spediti nei linguaggi dei sogni, della passione e della poesia. Sussurra nei sogni notturni, si lascia dietro, sul terreno dell’anima di una donna, un cappello ruvido e impronte fangose, che ricordano del desiderio di trovarla, di liberarla, di amarla.” (da “Donne che corrono coi lupi” di Clarissa Pinkola Estés)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su