CURIOSITÀ SULL’EP

Una settimana fa camminavo nei Magredi del Cellina, i luoghi dei miei antenati. Mio padre, infatti, è nato non molto distante da qui.

Il bisogno di riprendere contatto con la natura, con i miei luoghi natii, nell’ascolto e nell’osservazione, si fa sempre più grande. Man mano che lavoro a questi pezzi, ritorno a contatto con il mio sé profondo. Ridivento curiosa di conoscere i nomi e le stagionalità delle piante, i ritmi della fauna. In questo sono estremamente fortunata, dato che mio padre è agronomo.

Mentre scattavo questa foto, posso dire, senza nascondere l’orgoglio, che mia madre stava raccogliendo tutta la plastica che trovava lungo il tragitto. L’amore per la natura e l’ecologia arriva da loro: mi hanno insegnato, fin dai primi anni di vita, a rispettare la Terra e le sue creature.

Non posso dimenticare che i miei nonni erano contadini, operai e che la Terra li ha salvati. Nella povertà estrema, si moriva di fame e di stenti con facilità: alcuni miei prozii sono morti per inedia. Dunque, se sono qui, oggi, è proprio grazie a Lei.

Farne un EP è un modo per ringraziarla.
Cantare la propria Terra è cantare la propria Anima.
…Sto tornando a Casa.

Facebook Comments